MICHELANGELO AND THE ART OF THE FINANCIAL REPORTING

magine you’ve gone back in time – to 1512 in Rome. More specifically, you’re standing in the Sistine Chapel, watching the famous artist Michelangelo complete what will become known as “one of the absolute masterpieces of the Western art”.

Michelangelo has been working on the 500-square-meter painting for approximately four years. The work is painstaking and physically challenging. But finally, he is almost finished. You watch as he puts the final touches on an angel wing. Leggi tutto “MICHELANGELO AND THE ART OF THE FINANCIAL REPORTING”

CYBERPOLITIK (O POLITICA CIBERNETICA)

Si fa un gran parlare di riscrivere la Costituzione.

Vi propongo un esperimento: prendete le tre leggi della robotica e sostituite la parola “politico” alla parola “robot” ed “elettore” ad “essere umano”. Quello che ne viene fuori, senza dubbio, è la migliore Costituzione del mondo.

1. Un politico non può recar danno a un elettore né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un elettore riceva danno.

2. Un politico deve obbedire agli ordini impartiti dagli elettori, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.

3. Un politico deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

BE LIKE WATER MY FRIEND. A BRUCE LEE APPROACH TO CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT

‘Don’t get set into one form, adapt it and build your own, and let it grow, be like water.
You must be shapeless, formless, like water.
When you pour water in a cup, it becomes the cup. When you pour water in a bottle, it becomes the bottle.
When you pour water in a teapot, it becomes the teapot.
Water can drip and it can crash.
Become like water my friend.’

These Bruce Lee’s words have inspired and continue to inspire many martial artists. This concept has its origin in the Taoist philosophy and can be applied to many everyday life situations. Leggi tutto “BE LIKE WATER MY FRIEND. A BRUCE LEE APPROACH TO CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT”

IN CASE OF FIRE BREAK GLASS: WHEN YOU MIGHT NEED TO HIRE A SINGLE SYSTEM ADMINISTRATOR – PART I

Corporate Performance Management systems have reached a truly remarkable and complex stage of development. Once relegated to the preparation of consolidated financial statements (very often for compliance purposes), a well-implemented CPM today is now able to manage planning and control processes, interact with business intelligence systems, and manage aspects of Corporate Social Responsibility and Governance, Risk Management and Compliance (GRC), covering a flow of information that ranges from data collection to final reporting for internal and external stakeholders.

All these processes and actors (with as many needs) are involved in the operation of a single system, generating a complexity that somehow has to be managed. Leggi tutto “IN CASE OF FIRE BREAK GLASS: WHEN YOU MIGHT NEED TO HIRE A SINGLE SYSTEM ADMINISTRATOR – PART I”

#InternetDay

20 anni fa Internet era ancora troppo giovane. Nessuno credeva che sarebbe diventata un media maturo sul quale poter incentrare il proprio business ed organizzare la propria quotidianità. La cosa curiosa è che nonostante altrove sia così, la maggior parte di noi continua a ragionare come 20 anni fa.

20 anni fa si pensava ai quei poveri vecchietti che non sapevano usare i computer e che sarebbero stati tagliati fuori dalla società. Oggi quelli che pensavano queste cose sono diventati i poveri vecchietti di oggi. E noi continuiamo a pensare ai poveri vecchietti. Leggi tutto “#InternetDay”

TRASH-IN TRASH-OUT (PART I)

Justin Gignac is a New York City based artist and entrepreneur. He began selling garbage in 2001 after a co-worker challenged the importance of package design. To prove them wrong, he set out to find something that no one would ever buy, and package it to sell. Looking around the dirty streets of Times Square, garbage was the perfect answer. Twelve years later, over 1,400 NYC Garbage cubes have been sold and now reside in 30 countries around the world.
(from NYC Garbage)

Unlike Mr. Gignac, who has been capable of assembling trash in a fascinating way, by putting it into a cube gives a consistent vision to an apparently chaotic set, financial data (as well as many other things in our ordinary life) work in a completely different way. Leggi tutto “TRASH-IN TRASH-OUT (PART I)”

DUE GRADI E MEZZO DI SEPARAZIONE: il social capital farming di Domitilla

Definire a caldo che tipo di esperienza sia stata la lettura di questo libro rischia di essere in un certo qual modo parziario e riduttivo. Più che una semplice lettura infatti, questo libro può definirsi meglio come un incontro. Uno di quegli incontri che ti lascia qualcosa, ti arricchisce, che pianta un seme e mette un po’ d’acqua e terriccio proprio dove ce n’era bisogno. Un’esperienza insomma che non finisce nel momento in cui arrivi alla fine della narrazione, ma che per qualche strano motivo comincia proprio li, quando cominci a prendere coscienza dei tanti consigli, di quelle tante briciole (come le definisce l’autrice) che Domitilla ha disseminato lungo tutto il percorso che dallo scaffale della libreria ti ha portato al divano di casa tua. Ed è proprio li, non con una certa sorpresa (è il caso di dirlo) che ti ritrovi ad un tratto con tutta una serie di idee che ti frullano per la testa. Idee forse scontate per alcuni, ma che fino ad oggi faticavano ad uscire, in preda forse ad un certo pessimismo dettato dal fare le cose giuste nel modo sbagliato. Leggi tutto “DUE GRADI E MEZZO DI SEPARAZIONE: il social capital farming di Domitilla”

GLI IN(NO)VATORI

E proprio nel bel mezzo di questo Rinascimento tecnologico, mi trovo ad aver a che fare con la setta degli inNOvatori.

La maiuscola è d’obbligo. Perché al contrario degli innovatori (minuscoli solo nel nome) gli inNOvatori hanno deciso di dire “NO” al progresso (un po’ come Valsoia ha detto “NO” al colesterolo). Una negazione a priori, figlia della convinzione che le cose stanno bene come stanno e che cambiarle non è mai, per principio, una cosa buona. Leggi tutto “GLI IN(NO)VATORI”

I LOG DEL DIR (per il futuro cliccate qui…)

Le occasioni per poter leggere un libro sono poche. Le occasioni per leggere un buon libro sono ancora meno. Le probabilità di trovarlo gratis (e legalmente scaricabile) in Rete sono quasi vicine allo zero.

A volte per poter dare un giudizio su di un libro, per poter fare una recensione obiettiva, possono volerci dei giorni. Perché prima di recensirli i libri bisognerebbe leggerli. Non è stato questo il caso. Leggi tutto “I LOG DEL DIR (per il futuro cliccate qui…)”

DA QUASI VENT’ANNI FERMI ALLO START

So di anticipare questa discussione di poco più di due anni. Ma solo per non fare in modo che qualcuno, a ridosso della scadenza non tiri fuori qualche trucco dal cilindro così, giusto per dire che tutto questo lamentarsi non era in fondo così giustificabile.

Ora, se avete un paio di minuti per potervi fermare a riflettere su cose che non cambieranno la vostra esistenza ma che “minchia, ora che ci penso…”, guardate questo filmato: Leggi tutto “DA QUASI VENT’ANNI FERMI ALLO START”