Love for the low frequencies

Il basso. O, se preferite, il basso elettrico.

Di libri sull’argomento ce ne sono parecchi in circolazione, la maggior parte dei quali (giustamente) si concentra sulla didattica delle quattro corde. Altri sono dedicati all’elogio feticista del pezzo di legno da collezione, dello Stradivari del ventesimo secolo e dei suo ammennicoli. Ma a mio avviso pochi testi raccontano le cose davvero importanti da condividere a proposito di questo strumento. Il libro di cui vi parlerò nelle prossime righe rappresenta una di queste rare (e preziose) eccezioni.

Marco Caudai - /

Marco Caudai
Alza il Basso!
vita e opere di uno strumento a 4 corde
(Saggi Pop, effequ, 2014)
Lo potete acquistare qui…

Questo agile libretto che saprà tenervi compagnia in uno dei vostri viaggi o la sera prima di andare a letto, trasuda passione. Ed è proprio la passione il comune denominatore che fa da collante alle due parti in cui questo breve saggio si divide. Due o forse anche tre…

Marco Caudai (turnista ed insegnante di musica, nonché nome conosciuto tra gli addetti ai lavori) racconta infatti del basso in prima, in seconda ed infine anche in terza persona, inframmezzando episodi di vita vissuta con aneddoti legati alla storia del basso elettrico e dei suoi interpreti e con interviste ad alcuni tra i più affermati professionisti italiani del campo musicale.

Un racconto sincero nelle intenzioni quanto semplice e diretto nello stile, rivolto sia a chi vorrebbe avvicinarsi al mondo della musica e delle quattro corde (ma non si è ancora deciso) sia a chi invece (come il sottoscritto) è ancora alla ricerca di alcuni perché di una scelta fatta di pancia.

Alza il basso!“, senza mezzi termini, può essere considerato come il libro dell’orgoglio bassista. Una specie di antologia a metà strada tra ragione e sentimento, tra mito e verità, che a distanza di sessant’anni dalla diffusione del primo Fender Precision cerca di fare il punto della situazione per raccontare al mondo che essere bassisti e amare la musica è un’esperienza davvero straordinaria.

Lascia un commento